Indietro

Tra avventure archeologiche e guerre stellari, Harrison Ford spegne un’altra candelina

​Venerdì 13 luglio 2018. Gatti neri e film dell’orrore? No, questa volta la data ha segnato una ricorrenza più fortunata. Il 13 luglio 1942 nacque un’intrepida stella del cinema che continua a regalarci grandi soddisfazioni attraverso il grande e il piccolo schermo.

ITALIA — Per Harrison Ford, a 76 anni non si è sufficientemente venerandi per abbandonare le luci dei riflettori. E cos’altro aspettarsi dall’avventuroso Indiana Jones, il burbero Rick Deckard o l’irriverente Han Solo? Queste e tante altre, le maschere indossate da Ford nel corso della sua fiorente carriera.

Solo… un viaggio nello spazio-tempo

Uno dei personaggi più noti di Harrison Ford è Han Solo, pilota della nave spaziale Millenium Falcon nella trilogia di Guerre Stellari, una pietra miliare della cultura pop occidentale. Il primo capitolo della fortunata serie risale al 1977, ma Ford continuerà a rivestire i panni del pilota fino al 2015, con l’uscita di Star Wars: il risveglio della forza. Ma poiché i fan continuano ad alimentare la fortuna della saga, Ron Howard li ha accontentati producendo il secondo spin-off della saga cult acquisita da Disney, dedicato proprio allo scapestrato Han Solo.

Solo: a star wars story, ha così visto la luce a maggio 2018, raccogliendo l’entusiasmo non solo del pubblico, ma anche dello stesso Ford, che ha visto la pellicola ben due volte da spettatore. Il film, infatti, sposta la lente sulla gioventù di Solo, che è interpretato dal giovane Alden Ehrenreich. Ford l’ha encomiato per essere riuscito a far completamente suo il personaggio. Forse tale immedesimazione è anche merito di Ford che, da storico interprete dell’Han Solo adulto, si è seduto a pranzo con Ehrenreich per dispensare preziosi consigli.

Tra successo e successo

Ford iniziò la carriera nel 1973 con un ruolo minore nel film American Graffiti, che lo fece notare dal regista del film, George Lucas, lo stesso di Guerre Stellari e Indiana Jones. E proprio Indiana Jones segna un’altra pietra miliare della filmografia fordiana: il professore e archeologo avventuriero dalla giacca di pelle e la barba incolta ci ha regalato avventure mozzafiato dalla fine degli anni 70 – il primo Indiana Jones è quasi concomitante con Guerre Stellari - fino ai giorni nostri.

Nonostante una traiettoria scolastica infelice e un inizio di carriera un po’ arrancante – per mantenere se stesso e la famiglia faceva il falegname -, Ford si è fatto largo tra i tanti aspiranti per il sua innata capacità di indossare con naturalezza le vesti di personaggi così diversi tra loro. Non sono mancati i riconoscimenti: nel 1986 venne nominato all’Oscar come miglior attore protagonista per il film Witness – il testimone; abbondano le candidature ai Golden Globe nell’86, ‘87, ‘94 e ‘96, e una vincita del Golden Globe Cecil B. DeMille alla carriera nel 2002; nel 2000 fu insignito del Life Achievement Award dell’American Film Institute; per non parlare delle vincite del Blockbuster Entertainment Awards nel ‘94, ‘95, ‘99 e ‘2001.

Harrison Ford Receives Cecil B. Demil Award - Golden Globes 2002

Personalità vincente

Guardando ai successi di Ford, viene naturale chiedersi come ci sia riuscito. Fortuna? Duro lavoro? Personalità vincente? Come sempre nella vita, essere la persona giusta al momento giusto è fondamentale. Ma ci vuole anche talento affiancato da tanto lavoro e determinazione per non cedere allo scoraggiamento. Secondo un’analisi svolta da Betway su 236 vincitori in vari settori (film, musica, e sport), emerge un profilo maggiormente vincente: età dai venti ai trenta, con un’età media di 32, che aumenta a 38 per il cinema, sposato/a con figli, del segno del Cancro… e guarda un po’, Harrison Ford è del Cancro, aveva più di 35 anni quando recitò nei film che lo resero celebre, ed è pluri-sposato con 4 figli più uno adottivo. Inoltre, naturalmente, non gli manca il talento né la voglia di mettercela tutta.

E ora…?

E ora che ha passato i 75 anni, continuerà a tenerci compagnia dallo schermo, o anche lui si concederà il meritato riposo? Ciò che sappiamo per certo è che in pensione ci andrà Indiana Jones. Si prevede per il 2021, infatti, l’uscita del 5° capitolo della saga; l’ultimo, però, che vedrà Ford come protagonista. Dopodiché, Spielberg dovrà prendere delle decisioni. Per ora, possiamo solo crogiolarci nell’attesa dell’ultimo capitolo o, da bravi fan, riguardarci le pietre miliari dell’attore.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it